le parole traducono…

Noi siamo le nostre parole.

E nulla ci traduce (o ci tradisce!) quanto le parole. Il fatto è che esiste una parte oscura in ogni creatura umana: come un abisso sconosciuto dentro la propria anima.

Un mondo di emozioni, dove pensieri e sentimenti vanno in direzione opposta e non permettono alla persona di orientarsi. Così capita molto spesso – e a tanti – di voler dire parole che siano finestre di speranza dentro una visione più serena delle cose. Poi, nella battaglia fra pensieri ed emozioni, come cavalli selvaggi e imbizzarriti che non si lasciano domare, dai meandri della propria anima vengono fuori indomabili parole di rabbia e di accusa. Con effetti devastanti. Per tutti.

Ogni incontro in realtà mette a nudo il rapporto che abbiamo con le parole, quelle giuste e quelle sbagliate, quelle che uniscono e quelle che dividono. 

Le parole possono “creare distanza o aiutare la comprensione dei problemi. Usate in contesti diversi, le stesse possono risultare appropriate, confondere o addirittura offendere la dignità dell’altro” (S. Trasatti). 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Altri articoli

Pointing at notes

Osservare senza valutare

Non ho mai visto un uomo pigro;ho visto un uomo che non ha mai corso mentre lo stavo guardando. Non ho mai visto un bambino

Le parole sono finestre (oppure muri)

Mi sento così condannato dalle tue parole,mi sento giudicato e allontanatoprima ancora di aver capito bene.Era queso che intendevi dire? (Ruth Bebermeyer) Voglio condividere qui

Brand Identity

Possiamo definire Brand Identity o Identità Aziendale quell’insieme degli aspetti e degli elementi grafico / comunicativi che determinano la percezione e la reputazione di un brand da

Hai bisogno di una consulenza?

Contattami gratuitamente